Taglio dell’erba: le regole da seguire

Tagliare l’erba è un’operazione molto consueta per chi abbia una superficie verde da curare. Per poter ricavarne risultati all’altezza delle aspettative e dello sforzo profuso occorre però seguire alcune regole abbastanza semplici. Andiamo a vederle nel dettaglio.

Le regole per tagliare l’erba

Sono molti coloro che non hanno idee chiare sul momento ideale per effettuare la prima falciata una volta che sia stata effettuata la semina. Il modo migliore per individuarlo consiste nello strappare con una certa forza i nuovi fili d’erba: ove si sfilino o si spezzino con facilità sarà meglio attendere qualche giorno, se invece oppongono una certa resistenza allo strappo, si può procedere col taglio.
Una volta effettuato il primo taglio, si può procedere con regolarità a partire dalla primavera, proseguendo sino ad ottobre, magari un paio di volte a settimana. Ove si faccia passare troppo tempo tra un taglio e l’altro, l’erba potrebbe essere abrasa oppure scolorire nei giorni successivi.
Per quanto concerne la quantità di fogliame da asportare, esso dovrebbe ammontare a circa un terzo della sua lunghezza totale, anche se ogni tipologia di manto erboso vanta solitamente una sua altezza ideale.
Va anche sottolineato come prima di passare all’opera sia il caso di analizzare la geometria del giardino, suddividendo le forme complesse in quadrati e rettangoli. Ove le geometrie siano irregolari,  si può iniziare tagliando il perimetro e continuare dando vita ad una specie di serpentina all’interno dell’area individuata, avendo cura di evitare tutti i possibili ostacoli, come ad esempio alberi, cespugli e fontane, e passare solo una volta.

Il tagliaerba

Naturalmente, se questi sono alcuni dei suggerimenti che si possono seguire quando si decida di tagliare l’erba, molto importante è anche lo strumento che si decide di adottare. La scelta si riduce in pratica a due macchinari: il rasaerba rotativo e il rasaerba elicoidale.
Il primo taglia l’erba con una lama chiamata ad eseguire un movimento rotativo orizzontale mostrandosi ideale per le superfici che non necessitano di cure maniacali e la cui altezza non deve essere tenuta inferiore ai 2 centimetri.
Il secondo è in grado di assicurare prati impeccabili anche con altezze minime, tanto da essere usato in particolar modo per i campi da golf e per quelli da calcio.
Chi voglia saperne di più sul tagliaerba, può comunque assumere le informazioni necessarie online, ove sono molti i siti in grado di affrontare la tematica in maniera esauriente, indicando anche i prodotti che possono essere reperiti in commercio.