Il traffico è un problema nazionale: come risolverlo con i monopattini elettrici

Il traffico è un problema sempre più sentito dagli italiani, anche perché si tratta di una problematica comune in pratica a tutti i centri abitati, non solo grandi, ma anche di medie dimensioni. Un problema che drena non poche risorse alla collettività, se solo si pensa che secondo un rapporto elaborato qualche anno fa dalla Fondazione Filippo Caracciolo e dal Centro Studi Aci, proprio il traffico e il conseguente inquinamento atmosferico costano 5 miliardi di euro nelle sole sei città italiane più popolate.
Proprio l’Aci ha indicato la sua ricetta per cercare di risolvere problemi che continuano ad aggravarsi anno dopo anno, anche a causa della mancanza di ricette da parte della politica. Il “Progetto speciale nazionale per la mobilità urbana”,  elaborato dall’Automobile Club d’Italia prevede infatti investimenti per 50 miliardi di euro in 10 anni, che andrebbero a mixarsi al varo di nuove regole, controlli efficaci e incentivi per le amministrazioni virtuose. Lo studio in questione indica anche le direzioni in cui incanalare i finanziamenti: l’80% dei fondi dovrebbe essere destinato alla costruzione di nuove infrastrutture in grado di favorire il nostro trasporto urbano pubblico, mentre il restante 20% sarebbe impiegato sotto forma di investimenti per la messa in sicurezza dei punti critici, la promozione di servizi di car e bike sharing, il rinnovo del parco veicoli da portare avanti con l’introduzione di veicoli elettrici, la realizzazione di piste ciclabili e l’introduzione di tecnologie per la smart mobility.
Un piano molto ambizioso che però si scontra con una realtà economica ancora molto problematica, tale da impedire agli enti pubblici di poter destinare risorse in tal senso.

Una possibile soluzione: il monopattino elettrico

Se il piano dell’Aci sembra destinato a rimanere sulla carta, proprio in considerazione dello sforzo finanziario che implicherebbe, va però sottolineato come almeno una parte di esso potrebbe realizzarsi sotto la spinta dei privati, quella relativa alla diffusione di veicoli elettrici in grado di agevolare la mobilità urbana.
A dimostrarlo è un dato relativo al 2017, anno nel corso del quale in Italia sono stati venduti oltre 40mila monopattini elettrici, indicati da più parti come una soluzione ottimale, in quanto il loro utilizzo intensivo potrebbe abbattere drasticamente i livelli di smog derivanti dalla congestione del traffico, molto più di quanto non facciano le ordinanze antismog emesse periodicamente dai sindaci dei grandi centri urbani come risposta ai livelli di inquinamento troppo elevati.
Per chi voglia cercare di conoscere meglio il monopattino elettrico, anche da un punto di vista prettamente tecnologico, il nostro consiglio è di consultare i tanti siti che sul web si occupano della tematica. Tra di essi c’è anche Monopattini elettrici, una vera e propria rassegna di notizie e informazioni in grado di chiarire il quadro, oltre che presentare offerte in grado di aiutare i consumatori in fase di scelta.